Cuscini per cervicale: non solo memory foam, i nuovi modelli ad acqua

Dolori alla cervicale? Serve un cuscino contro la cervicalgìa. Non si ha idea di quanti possano soffrirne, per cattive abitudini sia diurne che notturne nell’assumere posizioni che infiammano i muscoli e disallineano la colonna vertebrale. Questi atteggiamenti prolungati, magari dovuti alla necessità di stare per ore seduti davanti a un pc o al fatto di dormire con il guanciale sbagliato che condiziona negativamente la qualità del sonno possono sfociare in questo disturbo che si manifesta con fitte molto acute e a volte lancinanti. Non tutti sanno che con il cuscino per cervicale questo malessere ha le ore contate, certo non fa miracoli, ma attenua i sintomi, donando da subito una sensazione di sollievo tangibile.

Cosa c’è da capire quando si decide di acquistare un cuscino per cervicale? La prima cosa è vedere di quali materiali sono fatti per il riempimento interno, che influenza l’effetto su collo, spalle e mal di schiena. Ormai è risaputo che l’opzione più apprezzata e popolare in fatto di cuscini cervicali è la memory foam, un materiale largamente usato nella fattura dei materassi ora leader anche sul mercato dei cuscini. Ma questo materiale non ha un impiego standard nella realizzazione di questo tipo di cuscini, dove viene usato sia sotto forma di grossi pezzi di ‘schiuma’ o anche triturato per riempire il cuscino. Non vuoi acquistare un cuscino in memory foam? Liberissimo, però se vuoi avvicinarti a questo mondo non puoi assolutamente ignorare la grossa fetta di mercato conquistata proprio dai cuscini in memory. Un motivo ci sarà, no?

Informarsi aiuterà a scegliere meglio. Un’alternativa più stravagante può essere rappresentata dai cuscini cervicali ad acqua, che stando ai pareri di alcuni recensori funzionano. Questi particolari guanciali, a base di acqua e altri prodotti naturali, come ad esempio l’olio di girasole, aiutano ad alleviare il mal di schiena e il dolore a collo e spalle, anche se non fanno miracoli. L’uso di un cuscino ad acqua può suonare strano, ma è un’opzione degna di nota, starà poi a voi valutarne l’efficacia, sempre se vorrete provarlo in caso di bisogno per raffrontarlo con gli altri modelli di cuscini per cervicale più tradizionali.